NAPOLI – BOLOGNA 3 – 1
Prendo solo in prestito il titolo dello stupendo romanzo di Dostojevsky (spero di averlo scritto bene…).
Situazione delittuosa il goal dopo appena 24 secondi, ma il castigo, per il Bologna, non tarda ad arrivare: autogol di Mbaye ed infortunio (sospetto?) del vituperato Verdi.
Poi il rigore, scegliete voi se più generoso o frutto di ingenuità di Masina, trasformato da Mertens che dà ulteriore valore alla prestazione partenopea con un capolavoro balistico.
Nel mezzo un buon Bologna, che ci mette più volte in difficoltà con dei contropiedi quasi micidiali se non ci pensasse il buon Reina, mario Rui ed il gladiatorio Koulibaly. Proprio il senegalese è mira delle invettive di Donadoni che lo accusa di fallo di mani: io, sinceramente, dopo una decina di rallenty e fermo immagine non riesco a capire, mi sembra che il pallone prenda la coscia. Comunque, fidandomi del VAR, non m’impunto sulla questione.
A corollario ribadisco che, nonostante le polemiche inesauribili, ci sia bisogno di proseguire sulla strada della tecnologia: gli ostacoli ci sono, ma si potrà solo migliorare.
Avanti così dunque: tre punti fondamentali per ribadire un primato meritato e continuare una corsa estenuante verso un sogno…
FORZA NAPOLI, FORZA MILANO PARTENOPEA!!!
P.S.
Oggi si scherzava con i “sottoclub”: due simpatici soci hanno presentato i club “Passione ADL” ed “MPT” (Movimento poltrona e telecomando). In un calcio che si prende troppo sul serio, è sempre bella la leggerezza…Benvenuti ai due sottoclub 🤣🤣🤣

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.