NAPOLI – CAGLIARI 3-1
Non saprei come altrimenti titolarlo questo “editoriale” (chiedo sempre scusa ai giornalisti veri…).
Il titolo del bel romanzo, anche un po’ triste in verità, di Paolo Giordano descriverebbe bene il Pepe Reina di oggi.
Lui indossa la maglia numero 25, ma sempre un vecchio numero uno è. Praticamente solo, quasi statico, per tutti i 90 minuti: solo la pietà di qualche difensore che ha effettuato dei retropassaggi, o forse qualche visita dei cagliaritani negli ultimi 10 minuti, ma poca roba…
Dall’analisi allegramente semipsicologica di Reina possiamo far scaturire tutto il resto: un Napoli troppo forte per questo Cagliari, quei tre là davanti al solito terribili, Allan e Jorginho a centrocampo che sono diga insormontabile e filtro sopraffino, Koulibaly un muro ora anche con il vizietto del goal e, dulcis in fundo, Hamsik che torna al goal e giunge ad un incredibile -1 da Diego…
Mi perdoni Reina, poi magari gli pagherò anche uno psicoterapeuta, ma da quelle parti meglio soffra di solitudine…
Arriva adesso un bel periodo di sosta: sperando che i nazionali ne tornino illesi, contiamo che le batterie si ricarichino in vista di un periodo molto caldo…
AVANTI COSI’!!!
FORZA NAPOLI, MILANO E’ PARTENOPEA!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.