BOLOGNA – NAPOLI 0-3
Inizio secondo tempo, seduto sugli spalti della curva San Luca del Dall’Ara di Bologna, dico all’amico Gianluca Iacono: “Io azzarderei la sostituzione Insigne Milik, quindi sposterei Mertens un po’ più dietro a sinistra…” Gianluca invece avrebbe voluto sostituire Callejon…Risultato: a ciascuno il proprio mestiere. Insigne all’improvviso illumina come il lampo del temporale che per nostra fortuna non si è abbattuto su Bologna e lo spagnolo taglia come al solito e scioglie come il burro sia masina che Mirante…Da quel momento in poi sappiamo come è andata la faccenda: non il temporale, ma l’uragano Napoli si è abbattuto anche sui felsinei…
Eppure è stata dura aggirare lo scoglio Bologna. Complici gli azzurri non brillanti come al solito ed un Bologna quadrato ed opprimente a centrocampo su Jorginho ed Hamsik, ahimè ancora spaesato o quanto meno non in condizione.
Per fortuna Reina, nei momenti più bui, ci mette i suoi guantoni, Albiol dimostra che forse forse in questo Napoli è insostituibile, Allan mette a disposizione polmoni e grinta da combattente e la panchina dimostra di essere da palati fini. Quando Zielinski sostituisce uno spento capitano, fa ingranare al Napoli la marcia alta che cambia la partita…
Poi il solito Mertens ed Insigne contento che, non ce ne voglia Candreva, alle sue chiamate risponda uno spagnolo che si chiama Callejon…
Va bene così, sembra che portiamo a casa anche le partite definibili “sporche”: che sia un buon viatico, la stagione è lunga…
FORZA NAPOLI!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.